LONDON ART AFFAIRS

frieze-art-fair-london_s345x230The Art Spectator: Quella che si è conclusa è stata una settimana intensa che ha visto Londra trasformarsi in un crocevia di galleristi, curatori, artisti e persino investitori.

le presentazioni delle gallerie emergenti più accreditate si sono distribuite, come ormai consuetudine, tra Frieze London e Sunday Art Fair, ma la competizione è stata quest’anno impari. Se da una parte, infatti, gli organizzatori di Sunday hanno peccato sul piano dell’organizzazione e della comunicazione, dall’altro Frieze London ha modificato le sezioni della fiera, cancellando Frame, riservata alle giovani gallerie ma anche molto limitante in termini di spazio e visibilità, e facendo confluire tutte le proposte emergenti nella sezione curata Focus.

Dove si potevano  visitare oltre 30 gallerie, con stand più che accoglienti ma alla metà del prezzo rispetto a quelli della Main Section, e i benefici si sono sentiti. Anche italiane se la sono cavata benissimo: la galleria Fonti di Milano ha fatto subito sold out con il progetto fotografico e installativo a prezzi tra 14mila e 18mila euro di Kiluanji Kia Henda (1979), artista angolano scoperto alla prima Triennale di Luanda nel Dubai-style, sinonimo di una crescita urbana avulsa da ogni principio storico e culturale, eppure assai diffusa tra le nuove megalopoli del sud-est asiatico.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...